giovedì 31 ottobre 2013

LILT: Donut Glassati in Rosa

Amélie Vianne de Simone é uno dei pilastri di Cucinissima, una pagina di cucina internazionale nella quale vengono raccolte e provate ricette da tutto il mondo, Quello che segue é il suo contributo in rosa per la campagna a supporto della LILT, ma prima una sua breve introduzione:

"La testimonianza di Evelina, donna a cui il cancro ha strappato un seno,  ma allo stesso tempo ha  rafforzato il cuore, le unghie e lo spirito, mi hanno convinta ad aderire al progetto di prevenzione di tumore al seno. 

Non dimentichiamoci mai che la prevenzione, insieme a uno stile alimentare e di vita sano, è la strada da perseguire....Non mettiamo la testa nella sabbia, non diciamo "tanto a me non capita", ma abituiamoci a fare i controlli periodici, perchè  la vita è bella e va vissuta intensamente e interamente."


Ingredienti:

20 gr lievito di birra fresco
60 ml di acqua tiepida
70 gr di zucchero
2 uova di media grandezza
1 cucchiaino scarso di sale (circa 4 gr)
300 ml di latte
750 gr di farina 00
80 gr di burro morbido







Procedimento:

Sbriciolare il lievito in una terrina, scioglierlo con l'acqua e un cucchiaio di zucchero, aggiungere 1 cucchiaio di farina e lasciare lievitare coperto 15 min.
Versare sul lievitino 250 gr di farina, lo zucchero, le uova, il latte. Impastare ben bene, quindi aggiungere la restante farina, impastare bene, aggiungere il sale e impastare ancora.
A questo punto aggiungere il burro morbido tagliato a pezzetti sottili ed otterrete un impasto morbido, omogeneo e liscio.
Lasciare lievitare coperto per un'ora (vi rammento che il tempo di lievitazione è direttamente correlato alla tempreratura esterna: in estate e in inverno con i riscaldamenti accesi i tempi saranno rapidi, nelle stagioni in cui la temperatura è bassa e non ci sono i riscaldamenti i tempi raddoppiano o ancor di più)
Infarinare il piano di lavoro e versavi l'impasto, schiacciarlo per degassarlo.
Stendere col mattarello a uno spessore di 1,5 cm circa e con un coppapasta (io, a dire il vero, uso un comunissimo bicchiere  tagliare le ciambelline e, con il tappo di una bottiglia di acqua, formare il foro centrale.
Lasciare lievitare ancora un'ora e quindi friggere: bisogna rigirarli appena diventano dorati, e poi tirarli su quando anche il secondo lato sarà bello dorato. Tamponare con carta paglia e rigirarli in un piatto con lo zucchero semolato.

La glassa è fatta con acqua, zucchero a velo q.b e colorante alimentare rosso q.b. 

Amélie Vianne
  

La ricetta che ho realizzato, è stata presa, con leggerissime modifiche, qui

LILT: Risotto Zucca e Barbabietola

Diana Ciani é la bravissima cake designer del Wazuzi Dream Factory ed é tanto brava a decorare torte quanto a preparare degli ottimi piatti. Questa la sua ricetta per la LILT.


Ingredienti per porzione:
100 gr di riso,
50 gr zucca, 
un po' di prezzemolo,
1/2 scalogno, 
brodo vegetale per cuocere il riso, 
vino bianco, 
olio evo, 
una fetta di barbabietola rossa cotta e frullata, 
qualche cuccchiaio di panna, 
sale. 


Procedimento:
Cuocere il riso al dente nel brodo. In un tegame preparare la zucca a cubetti con scalogno, prezzemolo, olio e sale.
Coprire e far cuocere una decina di minuti, sfumare con vino bianco abbondante e non far asciugare del tutto; a parte cuocere la barbabietola e frullarla, se si usa  quella preconfezionata ( è meglio)  frullarla direttamente. Unire la zucca, il riso e aggiungere gradualmente la barbabietola, stemperare con qualche cucchiaio di panna e terminare la cottura.

Buon Appetito,
Diana

LILT: Risotto al Vino Novello e Pistacchi di Bronte

Francesca Belli, virtual personal chef di www.365giornichef.it, ci ha mandato la sua ricetta per supportare il mese in rosa della LILT.


INGREDIENTI per 4 persone:

brodo vegetale gr 1000- riso Vialone nano g 320 - vino rosso novello g 300 - cipolla rossa e una cipolla bianca - 50 gr pistacchi di bronte- olio extravergine di oliva - sale - pepe in grani 

Preparazione:
Raccogliete in una casseruola le due cipolle tagliate finemente, unite 4 cucchiai di olio e fateli ben imbiondire ottenendo un soffritto asciutto. Aggiungete il riso e tostatelo. Sfumatelo poi con g 100 di vino novello e portatelo a cottura aggiungendo via via il brodo. A fine cottura aggiustate di sale, unite il vino novello rimanente, togliete dal fuoco e mescolate energicamente il risotto per renderlo cremoso, arricchendolo se vi piace con una bella cucchiaiata di parmigiano Completatelo con i pistacchi spezzettati, una macinata di pepe e servitelo subito.

Buon Appetito!
Francesca

mercoledì 30 ottobre 2013

LILT: Pesche Solidali

Maria Stillo ci ha contattati via email e, entusiasta per l'evento, ha deciso di partecipare con queste piccole golositá: la Pesche Solidali.
In realtá sarebbero da chiamare ciliegie... perché sono cosí buone che una tira l'altra! :-D
Vi lascio alla ricetta e ringrazio di cuore Maria per averci aiutato a supportare, anche se a modo nostro, la campagna di prevenzione della LILT

Ingredienti:
400 gr di farina 00
125 gr di zucchero semolato
100 gr di strutto o di burro
2 uova
1/2 bicchiere di latte
1 bustina di lievito

Procedimento:
Fare una fontana con la farina. Aggiungere zucchero, strutto, uova, latte e lievito.
Mescolare bene tutti gli ingredienti in modo da avere un impasto omogeneo ed elastico.
Formare delle palline e stenderle sopra dei gusci di noce, precedentemente imburrati.
Infornare a 170°C per 20 minuti circa
Bagnare con alchermes e riempire i dolcetti con nutella o crema al cioccolato, o qualsiasi altra crema. Unire due dolcetti e passare nello zucchero semolato.


Grazie mille!
Maria



lunedì 28 ottobre 2013

LILT: Colazione Rosa

Silvia Capello, dopo una nottata di lavoro, o dopo un turno massacrante, al risveglio si concede quella che ha chiamato "Colazione Rosa", tutta fatta in casa con ingredienti genuini e pensata per avere cura della propria salute.


Ecco come Silvia ce l'ha descritta:

Ed inizia la mia giornata LILT: sarà rosa, si, ma non di colore. Nel senso che oggi vi faró vedere cosa ho scoperto riguardo a tumore del seno ed alimentazione... Iniziamo con colazione: the verde, fette biscottate integrali, marmellata di albicocche.




Marmellata di albicocche
1 kg albicocche denocciolate non sbucciate, 
1 hg fruttosio, 
succo 1/2 limone. 

Pulire e spezzettare la frutta, porla in casseruola con il fruttosio e lasciarla "pensare" per una notte intera, l'indomani accendere il fuoco, portare a bollore e aggiungere dopo di che il succo del limone. al grado di cottura che preferite, togliete dal fuoco e invasate bollente in vasetti sterilizzati. Aspettate il "clack" prima di traslocare in cantina.

Fette biscottate integrali
300 g farina petra9, 
200 g farina petra3, 
20 g zucchero canna grezzo, 
20 g fruttosio, 
5 g sale, 
240 g acqua, 
14 g lievito di birra fresco, 
4 cucchiai olio extra vergine, 
1 cucchiaino miele d'acacia, 
1 albume. 
Per spennellare: tuorlo e latte qb. 

Per il procedimento Silvia vi rimanda a questa ricetta di cui ha modificato gli ingredienti secondo le sue esigenze di gusto.

Buon risveglio!
Silvia

giovedì 24 ottobre 2013

LILT: Risotto al Melograno

 Sabrina DE Angelis dice di fare le cose "alla buona" e che questa é la sua prima ricetta che pubblica... I fatti la smentiscono. Questa ricetta, che sará anche la prima non é per niente "alla buona"... anzi é proprio buona!!!



Risotto al Melograno

Ingredienti:
2 melograni
1 cipolla rossa
riso
olio
burro
grana




Procedimento:
Sgrano i chicchi di un melograno e centrifugo un altro. Nel frattempo preparo il risotto facendo appassire una cipolla rossa tritata in olio, aggiungendo riso in quantità necessaria e facendolo tostare x 3 min. Unisco poi del brodo e proseguo la cottura. A circa metà cottura aggiungo il succo del melograno e, verso la fine, i chicci dell'altro melograno + 1 noce di burro.
Servo con grana grattuggiato.



Grazie mille Sabrina!!!


martedì 22 ottobre 2013

LILT: L'Estate d'Autunno

Grazie alla cara Niky, che ha sparso la voce tra i suoi amici e colleghi, lo Chef Tommaso Malandruccolo ha aderito alla nostra iniziativa di supporto per la LILT con un primo piatto da leccarsi barba e baffi. Che dire se non "Grazie mille, Tommaso!" e poi via a preparare il piano di lavoro ;-)

Per la pasta:
300 gr farina 00
100 gr rapa rossa bollita frullata e passata al setaccio con il suo liquido 
4 tuorli e sale q.b.

Per il ripieno:
250 gr di mozzarella di bufala
100 gr di ricotta di bufala 
pepe nero
basilico fresco
un filo di olio evo

Per la crema:
olio evo
Melanzane lunghe
Timo

Si frulla la rapa rossa e si passa al setaccio,  si prepara un impasto tradizionale, si lascia riposare un'ora nella pellicola in frigorifero, si stende e si farcisce con il ripieno tritato finemente. 
La melanzana si fa saltare in padella con un bel po' di olio evo, si aggiusta di sale e timo, si frulla e si passa al setaccio. Alla crema si unisce un po' di ricotta di bufala per renderla più corposa.


Buon Appetito!
Tommaso

lunedì 21 ottobre 2013

LILT: Crostini con spuma di prosciutto cotto, zucchine e burro salato

Per la serie: le cose fatte con il cuore sono sempre superbe (grazie Giacoma, condivido appieno).

Emanuela Colosio, una persona normale, come tutti noi, con i suoi impegni, le sue mille cose da fare e le sue mille preoccupazioni quotidiane ha voluto mandarci un contributo, perché anche lei, come tutti coloro che l'hanno preceduta e che la seguiranno sente quanto sia importante un'iniziativa del genere. Solo che si é fatta scoraggiare da quanto é stato inviato in precedenza e quasi si é vergognata dalla sua ricetta.

Le abbiamo dimostrato che non é cosí, come ha detto una nostra amica Pasticciona, Giacoma appunto, le cose fatte con il cuore sono sempre superbe.
Non importa quanto sia elaborata la ricetta, é il gesto di condividere e preoccuparsi per la saluta propria e altrui che é importante ed é per questo che ringraziamo Emanuela ne piú ne meno che tutti gli altri: dal profondo del cuore.
Per aver trovato il tempo da dedicare a questa piccola iniziativa, noi tutti ti diciamo grazie Emanuela, grazie mille!!!




Procedimento:
Omogeneizzare del prosciutto cotto e mescolarlo con formaggio cremoso a scelta (caprino, philadelphia), salare leggermente, pepare. Tostare fette di pane casereccio e spalmare con burro salato, decorare con zucchina grigliata e noce.


Buon Appetito!
Emanuela

LILT: Chiffon Cake con Crema Rocher


Federica Noro, simpaticissima Pasticciona, ci ha già deliziato (eufemismo per: ci ha fatto strasbavare) con le sue foto di torte che abbiamo inserito nella raccolta di "Contributi Fotografici" per l'evento LILT. Con questa Chiffon Cake con bagna al succo d'ananas e Crema Rocher ci ha provocato una volta di troppo. L'abbiamo costretta (con le buone ovviamente) a mollare le ricette. E se possibile stiamo "deliziando" ancora di più!!!


CHIFFON CAKE 

Ingredienti:
* 285 g farina
* 300 g zucchero di canna o 285 g zucchero semolato
* 6 uova grandi (per un totale di 340 g di albumi)
* 195 ml acqua
* 120 olio di semi di mais
* 1 bustina di lievito per dolci
* 1 bustina di cremor tartaro da 8 g (in farmacia)
* pizzico di sale
* scorza di limone
* vaniglia (botteghe equo solidali)

Procedimento:
Pre riscaldate il forno a 160°.
Unite in rigida sequenza: farina, zucchero, lievito e sale setacciandoli in una ciotola piuttosto capiente.
Fate un buco al centro del composto (a fontana) e unite, senza amalgamare: olio, tuorli, acqua, scorza di limone e vaniglia. Importante: non toccare, per ora.
Passiamo agli albumi: uniteli con il cremor tartaro e montateli a neve fermissima (non ferma, fermissima).
Recuperate il composto di cui al punto 3 e amalgamatelo con lo sbattitore fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.
Unite gli albumi montati a neve fermissima al composto, fatelo delicatamente e lentamente, ma con molta cura.
Versate il composto nello stampo originale per ciambella americana, ma lo avete? No? Allora utilizzate un comune stampo da 30 cm, però che sia per ciambella.
IMPORTANTE: non imburate lo stampo.
La cottura si fa in due tempi senza estrarre lo stampo dal forno:
I fase: posizionate lo stampo nel ripiano inferiore del forno e cuocetelo per 50 min a 160°.
II fase: alzate la temperatura a 175° per altri 10 min.
Terminata la cottura, è importante che il ciambellone si raffreddi capovolto nel suo stampo. È per questo che quello originale ha dei piedini per poterlo capovolgere e tenere ad una certa distanza dal piano. Inoltre, questo spiega perché lo stampo non vada imburrato, vi immaginate se il ciambellone cadesse prima del dovuto? Non credo sia facile trovare lo stampo originale, tenete conto però che l’importante è che sia in alluminio e che lo teniate ad una certa distanza dal piano d’appoggio con dei supporti, questo perché il suo interno risulti decisamente morbido e umido, e non bagnato e crudo.
Una volta raffreddato staccatelo dalla ciambelliera (o stampo che sia) con una spatola, se avete eseguito tutto alla perfezione, dovrebbe staccarsi senza problemi.
Test per controllare se la cottura è stata eseguita correttamente: schiacciate con una mano il ciambellone americano e controllate se ritorna al suo posto, se non torna… avete preso troppa iniziativa, del resto si tratta di un americano, quindi di uno che segue le regole e non transige!


CREMA ROCHER

Ingredienti:

• 200 ml di panna fresca
• 200 gr di nutella
• 120 gr di nocciole tritate
• 20 wafer alla nocciola

Preparazione Crema Rocher:
Montate a neve ferma la panna e aggiungete la nutella.
Amalgamate piano in modo da non smontare la panna. Ora incorporate le nocciole tritate e i wafer sbriciolati precedentemente.
Amalgamare il tutto in modo da far diventare un unico composto.


L'assemblaggio avviene, come si può desumere dalla foto, tagliando la torta in 3 strati, e farcendola, dopo averla bagnata con succo di ananas, con la crema rocher e panna. Infine per la decorazione esterna Federica ha usato ancora panna, una parte della quale è stata colorata di rosa.

Grazie Mille Fede!!!





LILT: Frullato e Crema Dolce di Barbabietole

Mi sono alquanto stupito quando Lou mi ha contattato dicendomi: "Ma accettate anche partecipazioni dall'estero per l'evento LILT?" Le ho risposto ovviamente di si, chiedendole come avesse potuto trovare dei partecipanti non italiani. Di nuovo, ovviamente, è stato grazie al suo blog bilingue "Rise of the Sourdough Preacher" nel quale, nel post dedicato al "Barbapane", aveva pubblicizzato questa nostra piccola partecipazione alla campagna di sensibilizzazione della LILT per la prevenzione dei tumori al seno e uno dei suoi lettori l'ha contattata per offrire alcune sue ricette che qui riporto, tradotte dalla stessa Lou, che ringrazio infinitamente.

E i nostri calorosissimi ringraziamenti vanno anche a Carolina Cocina che ci ha regalato queste due bellissime ricette in rosa.

Frullato  di barbabietola 

1 tazza latte freddo 
2 cucchiaini/a piacere zucchero 
2 gocce di estratto di vaniglia
2 cucchiai di barbabietola in purea

Cuocere la barbabietola in pentola a pressione per 8 - 10 minuti dopo il fischio. 
Spellare e frullare nel mixer a ottenere una purea liscia.
Mischiare con gli altri ingredienti.




Crema dolce di barbabietola / Payasam (O kheer) 

1 tazza purea di barbabietola 
1/2 tazza di zucchero 
1 litro di latte
50 gr di anacardi ridotti in pasta

Far bollire il latte. 
Aggiungere lo zucchero e pasta di anacardi e far bollire per 10 min. 
Spegnere e miscelare nella purea di barbabietola.



Grazie Mille Carolina!!!


domenica 20 ottobre 2013

LILT: Tarte Renversée, Variazione in Rosa...

Un dolce facile, veloce e di sicuro effetto per una cena elegante é quanto la dolce Stefania Costantini ha elaborato per questo piccolo evento a favore della LILT. Grazie mille Stefania!


Per la base (16 stampini monodose):
200 g di farina 00
215 g di zucchero semolato
125 g di burro in pomata
5 gr di lievito in polvere per dolci
aromi: vaniglia, scorza di limone e d'arancia
4 uova intere
1 pizzico di sale
per la copertura:
8 prugne rosa
4 cucchiai di zucchero di canna
50 gr di burro
maraschino q.b.

Preriscaldare il forno a 160°. In una casseruola dal fondo spesso fondere il burro, unire lo zucchero di canna e far caramellare, aggiungere le prugne tagliate a 1/2 e denocciolate e farle caramellare da tutti i lati, sfumare con il maraschino e versare ogni mezza prugna e un po' di caramello in ogni singolo stampino rivestito con carta forno. 
A parte montare lo zucchero con le uova, unire la farina miscelata con il lievito, il burro, il sale e gli aromi. Montare bene e versare negli stampini sopra le prugne (riempire fino a 3/4 circa, anche meno). Cuocere fino a doratura.~


LILT: Bavarese di Lamponi con Pesto di Pistacchi e Menta

Bavarese di lamponi con pesto di pistacchi e menta:



Ingredienti per quattro persone:
300 g di lamponi
80 g di zucchero a velo vanigliato
2 dl di panna montata
10 g di gelatina in fogli
la scorza di mezzo limone grattugiata
2 cucchiai di alchermes
60 g di pistacchi dolci
10 foglie di menta
1 cucchiaio di zucchero semolato

Esecuzione:
1) fate ammorbidire la gelatina in acqua fredda, poi strizzatela e fatela sciogliere a fuoco dolce nell'alchermes.
2) frullate i lamponi con lo zucchero a velo e raccogliete il tutto in una terrina, aggiungete la gelatina poco alla volta e, sempre mescolando aggiungete la panna montata lucida.
3) versate negli stampini, o se preferite in uno stampo grande. Trasferite in frigo e lasciate raffreddare almeno sei ore.
4) mettete in un mortaio le foglie di menta, lo zucchero, la buccia del limone ben lavata e asciugata, i pistacchi dolci privati della pellicina e pestate bene fino a ottenere un composto granuloso.
5) sformate la bavarese, distribuite sopra il pesto e guarnite a vostro gusto.


Buon Appetito!
Clelia Dessí

LILT: Gelo di anguria (gelo di mellone)

Questo è il contributo del Maestro Ferdinando Diluvio: Gelo di Anguria (gelo di mellone)

Ingredienti:
1 litro di succo di anguria,
100-200 gr di zucchero (dipende dalla naturale dolcezza del frutto)
90 gr di amido di frumento
Cannella in polvere q.b.
Pistacchi dolci tritati q.b.
Gocce di cioccolato (opzionale)
Zuccata a dadini (opzionale)

Procedimento:
Tagliare a pezzi un'anguria e passarla fino ad estrarne un litro di succo. Filtrarne il succo per eliminare i semi e versarlo poco per volta in una pentola mescolandolo all'amido di frumento setacciato fino a ricavare una crema liquida.
Unire al composto lo zucchero, porre la pentola su fornello a fiamma moderata e mescolare con cura fino a quando il gelo di anguria non si addenserá e assumerá un colorito piú intenso (10-15 minuti).
Trascorso questo tempo togliere il gelo dal fuoco e metterlo a raffreddare in un altro recipiente. Quando sará diventato sufficientemente freddo unirvi la zuccata a cubetti e le gocce di cioccolato e versare il tutto in delle coppette.
Fare raffreddare il gelo di anguria in frigorifero il tempo necessario affinché assuma piú o meno la consistenza di un budino e infine guarnire con una spolverata di cannella, qualche altra goccia di cioccolato e la granella di pistacchio prima di servire.



sabato 19 ottobre 2013

LILT: Aspic di frutti di bosco al Cruasè o Prosecco rosè

ASPIC DI FRUTTI DI BOSCO AL CRUASE' o Prosecco Rose'

Per 8 stampini:
300 gr di Champagne rosé o di prosecco rose', 
130 gr di zucchero, 
120 gr di lamponi, 
120 gr di mirtilli, 
120 gr di fragoline di bosco o more, 
10 gr di gelatina in fogli, 
menta fresca.


Ammollate in acqua la gelatina. Sciogliete in un pentolino lo zucchero con 80 gr di Cruase'. Strizzate la gelatina e fatela sciogliere nello sciroppo, poi togliete dal fuoco e versate il liquido in una ciotola.

Aggiungete altri 220 gr di Cruase' e mescolate. Lasciate riposare in modo che la gelatina si raffreddi fino a raggiungere la temperatura ambiente e la schiuma formata si dissolva. Disponete una fogliolina di menta sul fondo di 8 stampini e riempiteli per metà con i frutti di bosco. Versate quindi un po’ di gelatina, fino a 3/4 dello stampo, poi mettete a raffreddare in frigo per 10-15 minuti, in modo che la gelatina cominci appena a solidificarsi (questa operazione impedisce che i frutti precipitino tutti verso il fondo, lasciando la gelatina solo in superficie). Colmate gli stampi con altri frutti di bosco misti, quindi riempiteli con la gelatina rimasta. Fateli raffreddare in frigo per almeno 3 ore. Capovolgete gli stampi per sformare gli aspic e serviteli accompagnandoli a piacere con un calice di Champagne.


La ricetta originale prevedeva champagne ma ho usato del l'ottimo Cruase', un pinot nero rose' dell'oltrepo pavese, che ho degustato per la prima volta poco piu' di un paio di anni fa ed ho trovato davvero ottimo...ovviamente ha un costo ben diverso dallo champagne ma credetemi e' davvero un bollini e interessante... Buona serata Francesca






giovedì 17 ottobre 2013

LILT: Crema di zucca con gamberi rosa

Con questa meravigliosa ricetta, Monica Rossetto partecipa alla raccolta "rosa":

Crema di zucca con gamberi rosa

Ingredienti:

zucca, cipolla, brodo vegetale, panna, pepe, olio evo, gamberoni freschi, crostini, timo o prezzemolo.

Pulire i gamberoni, metterli in un contenitore e spruzzarli di olio, qualche goccia di limone e timo ( o prezzemolo tritato se si preferisce) lasciarli in frigo a marinare per tutto il tempo della cottura della crema.
Poi farli cuocere al vapore (o in alternativa in pentola antiaderente) versando sopra il liquido della marinaturaSoffriggere la cipolla in olio evo, aggiungere la zucca a cubetti e far rosolare ancora qualche minuto. Aggiungere il brodo e far cuocere sino a che la zucca sia cotta e si sfaldi. Aggiungere la panna, frullare il tutto e lasciare ancora in cottura sino a quando il composto non risulta cremoso.  . Una volta cotti i gamberoni mettere in una piatto da portata la crema, i crostini e 4/5 gamberi, un filo d'olio e una spruzzata di pepe.

(se non si ama il sapore della zucca si può modificare la ricetta con metà zucca e metà patate)


LILT: Romantic


Ecco, volevo farvi provare lo stesso stupore che ha colto noi Apprendisti Pasticcioni quando Fabiola Tricarico ci ha inviato questa meraviglia: siamo rimasti tutti con la bocca spalancata per svariati minuti ad ammirare la bellezza e la grazie di queste decorazioni. Nient'altro.

La ricetta di Fabiola è tanto delicata quanto le decorazioni:

Per il Pan di Spagna:
6 uova
180gr di farina
180gr di zucchero
un pizzico di sale
buccia di limone grattugiata

Per la farcia:
500ml di latte
150gr di zucchero
40gr di maizena
100gr di tuorli
vaniglia

Dopo aver fatto raffreddare la crema aggiungere 250ml di panna montata ed avrete pronta la vostra crema chantilly. Le decorazioni sono fatte con Pasta di Zucchero.

E' quasi un dispiacere mangiarla, ma io mi offro sempre come volontario in questi casi ;)

Mille grazie a Fabiola!



mercoledì 16 ottobre 2013

LILT: Be Positive, Be Pink

Circa 20 anni fà, morì una persona a me molto cara, che mi accompagnò fino ai miei 18 anni, per poi mollarmi all'improvviso, senza se e senza ma. Ci accorgemmo del tumore 3 mesi prima che morisse, ma ormai era troppo tardi per intervenire, si parlava già di metastasi, nessun tipo di terapia lo avrebbe salvato. Probabilmente, se ce ne fossimo accorti prima, anzichè ignorare e sottovalutare i sintomi, magari saremmo riusciti a salvarlo oppure a farlo vivere qualche anno in più, chi lo può sapere? Per questo tengo tanto a promuovere e diffondere la campagna di sensibilizzazione alla prevenzione promossa dalla LILT, non sappiamo quale potrà essere il nostro destino, ma possiamo prevenirlo e curarlo!

Muffins con cioccolato bianco, pistacchi di Bronte e glassa rosa



Dosi per 12pz (a me ne sono venuti 16)

INGREDIENTI SECCHI

120 gr zucchero
200 gr farina 00

50 gr di pistacchi di Bronte o non salati

1 pizzico di sale

1 bustina di lievito per dolci


INGREDIENTI UMIDI

30 gr di olio extravergine se ha il sapore delicato altrimenti meglio di arachide (ho usato olio di semi)
250 ml. Latte

Buccia grattugiata arancia (non l'ho messa)

INGREDIENTI A PEZZI

100 gr cioccolato bianco

Scaldare il forno a 180° e imburrare una teglia da muffin da 12 oppure preparare gli appositi stampini di carta.

Mescolare assieme gli ingredienti umidi, dopodiché aggiungere agli ingredienti secchi, mescolando finché saranno ben amalgamati, ma non eccessivamente altrimenti i muffins risulteranno duri.
Aggiungere infine la cioccolata bianca tagliata grossolanamente a scaglie.

Versare l’impasto a cucchiaiate (io ho usato la sac à poche) negli stampi e cuocere per 20min. finché non saranno ben dorati.
Far raffreddare su una griglia e servire tiepidi.

Prima di infornarli si possono cospargere a piacere con scaglie di cioccolato bianco e granella di pistacchi. (io li ho decorati con glassa rosa)


La versione originale delle ricetta, la potete trovare qui.

PER LA GLASSA

In un contenitore, ho post 65 gr di cioccolato bianco a pezzi, con un cucchiaio e mezzo di sciroppo di melograno ed ho sciolto il tutto a bagnomaria, mescolando fino ad ottenere una crema non troppo liquida. Ho poi versato la glassa sui muffins, aiutandomi con un cucchiaio, senza spalmarla, ma solo lasciandola cadere sulla superficie del dolce. Ho poi guarnito con pezzetti di pistacchio.

Buona prevenzione a tutti!
Emanuela



martedì 15 ottobre 2013

LILT: Crema di Barbabietola


La dolce Valentina Pighi va ad ingrossare le fila dei partecipanti con un potage che ha tutte le intenzioni di stuzzicare il mio già possente appetito! 


INGREDIENTI PER CREMA:
Olio
Cipolla
Sedano
Patate
Barbabietole già cotte
Cerfoglio 



PROCEDIMENTO:
Lavare la verdura.
Pelare la cipolla e le patate, tagliare cipolla, sedano, barbabietole e patate tutte a cubetti. 
In una pentola mettere un goccio d’olio e far rosolare la cipolla aggiungere via via il sedano, le patate ed infine la barbabietola soffriggere per qualche minuto in fine unirvi l’acqua il dado vegetale e far cuocere per circa 30 minuti.
Aggiustare di sale frullare con il mixer e servire calda con dei ciuffi di cerfoglio.


Buon Appetito!
Valentina




LILT: Bignè con crema ai frutti di bosco glassati al cioccolato bianco

Questo è il contributo di Francesco Gagliardi, alla campagna di prevenzione del tumore al seno, promossa dalla LILT:

Ingredienti per la pasta bignè:

- 250g burro
- 220g acqua
- 2g sale
- 300g farina
- 280g uova

Procedimento:

Sciogliere sul fuoco acqua e burro. A parte setacciare la farina e quando il composto di acqua e burro arriva ad ebollizione, versare in un solo colpo la farina nella pentola. Mescolare velocemente per evitare la formazione di grumi....quando l'impasto si stacca dalle pareti della pentola, versare il composto su foglio di carta da forno e lasciar raffreddare sotto i 40 gradi. A questo punto, versare il composto in planetaria; come gancio si consiglia di usare la foglia. Versare le uova un pò alla volta; lasciare che l'impasto assorba le uova versate e solo dopo aggiungere le restanti uova. Inserire il composto in sac a poche e formare delle piccole palline. Mettere in forno a 190 gradi per circa 23 minuti.

Ingredienti per la crema ai frutti di bosco:

- 500ml latte
- 160g tuorli
-150g zucchero
- 30g amido di mais
- 50g pasta ai frutti di bosco oppure 150 g di frutti di bosco
Per la glassatura:
- 300g cioccolato bianco
- 150g panna

Per la glassatura, scaldare la panna in un pentolino. Togliere dal fuoco e inserire il ciocc bianco a pezzi; mescolare delicatamente. Portare a temperatura ambiente e coprire con pellicola. Versare sui bignè freddi di frigorifero.


LILT: Torta Paradiso

Ed ecco anche il contributo di Sal De Riso:

Gent.ma Emanuela,
mi dispiace risponderLa solo ora ma, come potrà immaginare, sono molto impegnato.
Le faccio i miei complimenti per l'iniziativa e le posto di seguito foto e ricetta della "Torta Paradiso", tratta dal libro "Dolci facili facili", della Rizzoli.

Torta Paradiso

Ingredienti:

170 g di burro,
170 g di zucchero a velo,
1 pizzico di sale,
4 tuorli (80 g)
2 cucchiai di limoncello
70 g di fecola di patate
100 g di farina 00
1 punta di cucchiaino di lievito per dolci
2 uova (100 g)
40 g di zucchero
scorza grattugiata di 1/2 arancia e 1/2 limone
1/2 bacello di vaniglia Bourbon

Per decorare: zucchero a velo

In un contenitore capiente, montare per 6-7 minuti il burro morbido con lo zucchero a velo, la scorza grattugiata degli agrumi, la polpa di vaniglia e il limoncello. Quando il burro risulterà montato e cremoso, aggiungere i tuorli e le salse. A parte, sopra un foglio di carta da forno, setacciare per 2 volte la fecola, la farina e il lievito. 
In un altro contenitore, con le fruste elettriche, montare le uova con lo zucchero per circa 10 minuti. Non appena tutto sarà pronto, miscelare le uova montate con il burro un po' alla volta, alternate alle polveri, fino ad ottenere un'emulsione completa. Imburrare e infarinare una tortiera di circa 24 cm di diametro, versarci all'interno il composto amalgamato e infornante a 170 °C per 35-40 minuti. Quando la torta sarà cotta, attendere circa 20 minuti, poi capovolgerla sopra un piatto di portate. Lasciarla raffreddare completamente e, al momento di servire, spolverarla con lo zucchero a velo.
E' possibile preparare con la stessa ricetta la "Torta Paradiso al cioccolato": basta sostituire 35 gr di fecola con 35 gr di cacao amaro in polvere e il limoncello con un liquore all'arancia o vaniglia e aggiungere poi all'impasto finale 50 gr di gocce di cioccolato fondente.

Dolci Saluti,
Sal